Eremo e Monastero di Camaldoli

La comunità monastica benedettina di Camaldoli, immersa nella pace della foresta casentinese

Poppi

La casa madre dell’Ordine Camaldolese fondata nel 1012 da San Romualdo, immerso nella suggestiva foresta dell’Appennino Tosco/Romagnolo.
Lo scenario che infonde spiritualità e culto, diviso in Eremo e Monastero. Quest’ultimo,costruito intorno al XVI secolo, è composto dall’archi cenobio, al cui interno sono ancora conservati dipinti di Giorgio Vasari, dall’Antica Farmacia con laboratorio galenico e della Foresteria, dove spicca il chiostro di Maldolo.

Salendo verso il Sacro Eremo si può trovare il secolare Castagno Miraglia, che alla base misura 11 metri. Arrivati all’eremo, una cinta muraria racchiude l’insieme delle celle dei monaci di clausura. Sulla destra si trova la chiesa con due campanili, più volte rifatta e consacrata nel 1220 da San Francesco d’Assisi, che appare oggi in forme barocche.
Qui si trova la cella di San Romualdo, con il letto, lo studiolo, il caminetto, la cappella e il piccolo orto.

Come arrivare
Strada SR 71 direzione Soci, proseguire per Partina fino a trovare ad un bivio con le indicazioni per Camaldoli.

Per informazioni
www.camaldoli.it

Sacro Eremo di Camaldoli
52010 Camaldoli - Arezzo
Tel: +39 0575 556021
Fax: +39 0575 556001
Email: eremo@camaldoli.it

Monastero di Camaldoli
52010 Camaldoli - Arezzo
Tel: +39 0575 556012
Fax: +39 0575 556001
Email: monastero@camaldoli.it

TAG
casentino
chiese
cultura
natura